Knock o il trionfo della medicina

Tre atti di Jules Romains

Regia di Mauro Bocci 

 


Compagnia Teatrale "Teatro del Marchesato"


3/4/10/11/12/17/18/ Maggio 2019


Regia e cast

 Personaggi e Interpreti:

KnockMauro Bocci

Dr. Parpalaid- Valerio Dell'Anna

Mme. Parpalaid - Pia Ghigo

Il banditore - Federico De Simone

La maestra Bernard - Tiziana Rimondotto

Il farmacista Mousquet - Mario Piazza

La signora in nero - Rosa Margaria

La nobildonna - Elisa Rivoira

La signora Remy - Lucetta Paschetta, Paola Barbero

Scipion - Sergio Catania

L'infermiera - Elena Rosso

 

Regia: Mauro Bocci

 

Assistente regia e grafica: Elena Rosso

Tecnico luci e audio: Franco Carletti

Costumi e acconciature : Giuseppe "Pino" Cravero

 



Sinossi

La Medicina è un’arte, una scienza, una religione o una merce da vendere e esporre al supermercato?

Quando Jules Romain scriveva, i supermercati ancora non c’erano ma in questa commedia si leggono premonizioni inquietanti.

Nei primi decenni del '900, Saint Maurice è un piccolo paese della provincia francese. Il dottor Parpalaid ha deciso di terminare la sua carriera a Lione e cede la condotta al più giovane dottor Knock. Parpalaid lascia nelle mani di Knock una popolazione semplice e robusta, propensa a recarsi dal medico per i reumatismi o per una bronchite come voi vi rechereste dal parroco per far piovere. Fatto sconcertante per chi, come il dottor Knock, sente la missione di diffondere lo spirito medico e si è laureato discutendo la propria tesi su “I pretesi stati di salute - sottotitolo: Coloro che si credono sani sono malati che non sanno di esserlo”

In pochi mesi la comunità di S. Maurice e di tutto il contado viene percorsa da uno spirito nuovo e quando Parpalaid torna in paese per riscuotere la rata concordata trova che la locanda ha tutte le camere occupate da forestieri che hanno sentito parlare del dottor Knock e sono venuti, anche da lontano, per farsi visitare.

Cosa è successo? E’ il “metodo” del dottor Knock.

E' una commedia ironica, brillante che non scade mai nella farsa e che fa riflettere sul rapporto che si ha, oggi, con la medicina.

Tre quadri, tre atti e due intervalli per circa un'ora e 40 minuti di ritmo crescente. Il finale, inatteso, lascerà al pubblico un dubbio: chi era, veramente, il dottor Knock ?

 



Photogallery